Non c’è due senza quattro – PRIMO TEMPO

Non c’è due senza quattro – Prima parte

Lo stuntman Elliot Vance e il sassofonista galeotto Greg Wonder vengono ingaggiati da un’agenzia che si occupa di reclutare sosia di personalità VIP, perché perfettamente somiglianti ai cugini Antonio e Bastiano Coimbra, due miliardari iberico-brasiliani, i quali hanno bisogno di venir sostituiti per sette giorni poiché in pericolo di morte: infatti, alla fine di quei sette giorni, i due ricchi uomini d’affari dovrebbero firmare un importante contratto ma un gruppo di malviventi è deciso ad impedirlo.

I cugini Coimbra offrono un milione di dollari ai loro sosia per l’operazione, più un altro mezzo in caso riuscissero a scoprire e sgominare la sleale concorrenza. Elliot e Greg accettano.

Seguendo il consiglio dei due, Wonder e Vance non si impegnano minimamente nel cercare di imitare i loro stili di vita, destando così numerosi sospetti tra la servitù di Villa Coimbra; nessuno però osa immaginare la realtà, data la perfetta somiglianza di Wonder e Vance ai ricchi cugini.

Nella prima sera di lavoro, Elliot e Greg incappano nella gang capitanata da Tango, uno dei peggiori malviventi di Rio de Janeiro, ma respingono l’attentato a suon di pugni; poi, ingenuamente, non si sottraggono alla curiosità dei giornalisti che li fotografano e che chiedono loro di raccontare come si sono svolti i fatti.

Successivamente alla movimentata serata, i due continuano ad attirare l’attenzione di Tango e dei suoi tirapiedi, ma i vari attentati falliscono puntualmente grazie all’astuzia ed alla supremazia nelle risse dei due finti cugini.

L’eco delle avventure notturne di Elliot e Greg giunge però alle orecchie di Antonio e Bastiano che, preoccupati per la loro reputazione, decidono di tornare a Rio per congedare i sosia ed indire una conferenza stampa nella quale offrire la spiegazione di tutto ciò che è accaduto.

Proprio mentre i cugini Coimbra stanno per firmare gli assegni ai loro sosia, arriva in elicottero un gruppo di mercenari decisi a sequestrare i due miliardari per poi darli in mano al misterioso mandante di tutte le loro sciagure. I sequestratori ignorano però che nella casa si nascondono quattro persone, anziché due come pensano: comincia così una rissa che vede prevalere Greg ed Elliot.

Il mandante viene attirato all’interno della casa: mentre pensa di trovare due ricchi legati alle loro sedie, appena entra dalla porta viene baciato da Elliot; si tratta infatti di donna Olimpia Chavez, amica di Vance e di Bastiano. La ragazza aveva architettato tutto per vendicarsi soprattutto di Antonio Coimbra, che aveva causato, a suo dire, il fallimento del padre.